Italian Medical News

Alzheimer: nuovo intervento farmacologico riduce i sintomi

Tempo di lettura: 2 minuti

A dimostrarlo è uno studio pre-clinico condotto dall’Università Campus Bio-Medico di Roma insieme alla Fondazione ‘Santa Lucia Irccs’. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista ‘Molecular Psychiatry’

È possibile intervenire sui livelli di dopamina per cercare di ridurre i sintomi a carico dei pazienti che si trovano nelle prime fasi di Alzheimer. Infatti, quando il sistema dopaminergico non funziona correttamente si verificano episodi epilettici che aggravano la qualità di vita e il declino cognitivo. Per fortuna però, un nuovo intervento farmacologico su questi meccanismi può ridurre gli episodi. A dimostrarlo è uno studio pre-clinico condotto dall’Università Campus Bio-Medico di Roma insieme alla Fondazione Santa Lucia Irccs di Roma, pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry.

“Agire prima ancora che il paziente manifesti sintomi evidenti della malattia è molto complesso – spiega il primo autore dello studio, Prof. Marcello D’Amelio. Per riuscirsi è necessario individuare con ragionevole certezza il paziente che effettivamente svilupperà la malattia e intervenire il prima possibile per preservare i neuroni. Infatti, non tutti i pazienti con le lesioni tipiche dell’Alzheimer sviluppano la malattia e un nostro precedente studio clinico sulla VTA ha permesso di identificare in maniera molto precoce i pazienti che svilupperanno la malattia di Alzheimer isolandoli da chi, pur presentando le lesioni da amiloide, è meno a rischio”.

“Con questo studio – prosegue l’esperto – aggiungiamo un ulteriore tassello alla conoscenza delle fasi pre-cliniche dell’Alzheimer. Intervenendo sui meccanismi dopaminergici del cervello con farmaci ben noti per la loro efficacia nella malattia di Parkinson, siamo riusciti, in modelli sperimentali e non ancora sull’uomo, a preservare l’attività neuronale in aree colpite dalla malattia riducendo l’ipereccitabilità ippocampale che può sfociare in attività epilettiche, tipiche delle fasi iniziali della malattia di Alzheimer, e contribuire al peggioramento del declino cognitivo”.

Un promettente ambito di ricerca

Il meccanismo scatenato dalla carenza di dopamina, a sua volta legata a una precoce degenerazione dell’Area Tegmentale Ventrale, impedisce una corretta attivazione di interneuroni che hanno la funzione di controllare l’eccitabilità corticale. Questo studio conferma l’importanza che i circuiti dopaminergici rivestono nella malattia di Alzheimer, storicamente legata alla carenza di altri neurotrasmettitori tra cui l’acetilcolina. Si tratta di un ambito di ricerca promettente perché permetterebbe di trasferire le terapie oggi disponibili per la malattia di Parkinson nella malattia di Alzheimer.

“La diagnosi precoce e accurata della malattia di Alzheimer – spiega D’Amelio – è fondamentale per selezionare i pazienti che devono imboccare specifici percorsi terapeutici anche farmacologici, incluse le terapie con anticorpi monoclonali contro la beta-amiloide. È, infatti, evidente che tanto più precoce è l’inizio del trattamento tanto maggiori sono le probabilità di rallentare o auspicabilmente arrestare il deterioramento cognitivo che conduce il paziente alla completa perdita dell’autonomia. Questo lavoro va nella direzione di identificare specifiche alterazioni di eccitabilità corticale come biomarcatori di malattia che insieme ad altri, oggi disponibili, possano meglio caratterizzare lo stadio di sviluppo di malattia e aiutare il clinico a intraprendere il percorso terapeutico più adatto”.

Clicca qui per leggere l’estratto originale dello studio.

Potrebbe interessare anche Il vaccino antinfluenzale protegge anche dall’Alzheimer: lo studio

alzheimer
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!