Italian Medical News

Un antidiabetico che protegge il cuore: lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti

Un farmaco sviluppato per i pazienti diabetici riduce le probabilità di eventi cardiovascolari gravi, proteggendo le cellule cardiache da ipertrofia, fibrosi e morte cellulare

Un noto farmaco sviluppato per i pazienti diabetici, presenta effetti molto positivi anche per il cuore oltre ad essere utile al contrasto dell’obesità. A segnalarlo è uno studio pubblicato su Cardiovascular Diabetology’ da un team di ricercatori coordinato da Giuseppe Paolisso dell’Università UniCamillus di Roma e dell’Università Vanvitelli di Napoli.

Il nome del farmaco è tirzepatide è gli autori hanno realizzato una metanalisi sull’azione de farmaco a livello cardiovascolare, valutandone gli effetti protettivi cardiaci in vitro su cellule cardiache umane e poi eseguendo un’analisi bioinformatica. Sono così emersi “potenti effetti protettivi sul cuore”, spiega una nota di UniCamillus. “I risultati – si legge – hanno mostrato che la tirzepatide riduce le probabilità di eventi cardiovascolari gravi, proteggendo le cellule cardiache da ipertrofia, fibrosi e morte cellulare. Inoltre, favorisce la contrattilità cardiaca. Il fatto che si tratti di un farmaco antidiabetico rende questo principio attivo doppiamente valido, considerando che i soggetti diabetici sono esposti a un maggior rischio di sviluppare complicanze cardiovascolari, compresa l’insufficienza cardiaca”.

“La tirzepatide è un nuovo farmaco per la cura del diabete di tipo 2 spiega Paolissoche però si associa anche a notevoli effetti anti-obesità, nonché protettivi nei confronti delle cardiopatie indotte dal diabete. Nel nostro studio evidenziamo che gli effetti cardioprotettivi della Tzt sono legati ad azione antinfiammatoria e di contrasto dello stress ossidativo e della fibrosi cardiaca. Tali effetti rendono questo nuovo farmaco di estrema attualità e di grande efficacia nella terapia del diabete di tipo 2. Tutti sono concordi nel ritenere che sostituirà la semaglutide come farmaco per perdere peso, e che potrebbe diventare in breve il principio più efficace per trattare obesità e diabete, nonché per prevenire le malattie cardiovascolari, prima causa di morte nel paziente diabetico di tipo 2″.

Clicca qui per leggere l’estratto originale dello studio.

Potrebbe interessare anche TRAPIANTATO IN ITALIA UN CUORE ARTIFICIALE

cuore
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!