Italian Medical News

Alcune proteine del sangue prevedono il cancro 7 anni prima

Tempo di lettura: 3 minuti

Ricercatori del Cancer Research UK, hanno identificato 618 proteine collegate a 19 tipi diversi di cancro. 107 di queste proteine sono state individuate nel sangue raccolto dai pazienti almeno 7 anni prima della diagnosi effettiva

Diagnosticare il cancro in fase precoce può essere cruciale per la sopravvivenza. Per questo motivo, i ricercatori di tutto il mondo stanno sperimentando da anni soluzioni mirate a sviluppare test capaci di rilevare le neoplasie in anticipo. Anche i ricercatori finanziati dal Cancer Research UK si concentrano su questo obiettivo. Gli esperti in questione, attraverso due studi pubblicati di recente su ‘Nature’, hanno identificato 618 proteine associate a 19 tipi diversi di cancro, e 107 di queste proteine sono state rilevate nel sangue dei pazienti almeno 7 anni prima della diagnosi effettiva. Dall’analisi delle proteine presenti all’interno delle cellule, la proteomica appunto, i ricercatori sperano di ottenere informazioni cruciali per la messa a punto di nuove strategie di diagnosi precoce e di cura.

“Questi due studi che mettono in evidenza come le scienze omiche (proteomica e genomica) possono produrre dati sia per la diagnosi precoce dei tumori sia per lo sviluppo di terapie targettizzate”spiega al Corriere della Sera Carmine Pinto, direttore dell’Oncologia Medica del Comprehensive Cancer Center di Reggio Emilia. “Individuare proteine alterate in campioni di sangue di soggetti che poi svilupperanno un tumore e poi correlare le proteine che intervengono nello sviluppo di tumori ai dati genomici pazienti oncologici, rappresentano un promettente modello di studi con rilevante impatto nella strategia di controllo del cancro” – ha aggiunto l’esperto.

Capire cosa accade agli esordi di una neoplasia

Il primo studio ha coinvolto 44.000 persone, 4.900 delle quali hanno sviluppato un tumore. Utilizzando la proteomica, gli scienziati hanno analizzato 1.463 proteine presenti in un singolo prelievo ematico di ciascun partecipante, confrontando le proteine dei soggetti sani con quelle di chi ha successivamente sviluppato il cancro. I risultati hanno anche evidenziato 182 proteine che si differenziavano nel sangue già tre anni prima della diagnosi effettiva di cancro.

“Servono conferme e ulteriori analisi, ma il fine delle nostre indagini è capire cosa accade agli esordi di una neoplasia in modo da poter salvare le vite dei malati” – commenta Keren Papier, epidemiologa e prima coautrice dello studio. “I dati derivanti da migliaia di persone possono – prosegue – esserci di grande aiuto nel mettere a fuoco come geni e proteine influenzano la formazione del tumore nel corso degli anni”.

Il secondo studio

Il secondo studio ha esaminato le informazioni genetiche relative a oltre 300.000 casi di cancro per identificare quali proteine fossero coinvolte e quali fossero sensibili ai nuovi farmaci mirati già disponibili. Da qui i ricercatori hanno individuato 40 proteine che influenzano il rischio di sviluppare 9 tipi di cancro. Modificando queste proteine, è possibile alterare il rischio di insorgenza del cancro, anche se tale manipolazione potrebbe comportare effetti collaterali indesiderati.

“Il nostro scopo è arrivare ad avere dei farmaci che possono essere somministrati a persone sane a maggiore rischio di cancro per limitare il pericolo che lo sviluppino, ma prima di procedere con sperimentazioni sulle persone servono ancora approfonditi studi e verifiche”conclude Karl Smith-Byrne, epidemiologo, autore senior del primo studio e primo autore del secondo. “Siamo ancora lontani, ma facciamo progressi su una strada che una volta era impensabile”.

Clicca qui per leggere l’estratto originale del 1° Studio.

Clicca qui per leggere l’estratto originale del 2° Studio.

Potrebbe interessare anche SVILUPPATO UN TEST DEL SANGUE PER LA DIAGNOSI DI TUMORE AL COLON

proteine
Condividi:
italian medical news
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!