Italian Medical News

Autismo: chi ne soffre sente il dolore in modo più intenso degli altri

Tempo di lettura: 2 minuti

Per anni si è ipotizzato che le persone con autismo fossero insofferenti al dolore. Un recente studio dimostra che in realtà è esattamente il contrario


Non sono insofferenti al dolore come si è ipotizzato per molto tempo. In realtà, le persone con autismo provano il dolore anche in maniera più forte e intensa rispetto agli altri. A fare chiarezza su questo tema a lungo equivocato è uno studio condotto dall’Università di Tel Aviv, in collaborazione con il Technion – Rambam Medical Center e l’Università di Haifa. I risultati, che sono visibili sulla rivista ‘Pain’, suggeriscono la necessità di modificare il modo in cui viene gestito il dolore degli autistici. Per questo gli operatori sanitari e i familiari stessi non devono sottovalutare i segni di sofferenza, ma anzi, dovrebbero intervenire con trattamenti appropriati.

Lo studio ha incluso 52 adulti con autismo ad alto funzionamento (HFA) e con intelligenza ‘normale’. Per valutare il dolore i ricercatori si sono avvalsi di test psicofisici che esaminano il legame tra stimolo e risposta. Contemporaneamente gli studiosi, utilizzando un computer, hanno controllato la durata e l’intensità dello stimolo. Successivamente è stato chiesto ad ogni esaminato di classificare l’intensità del dolore avvertito su una scala da 0 a 100. Ebbene, i risultati hanno dimostrato che le persone con autismo soffrono di più. Inoltre, il loro meccanismo di sospensione del dolore è meno efficace rispetto agli altri.

Le dichiarazioni dei ricercatori

“Abbiamo condotto una serie di misurazioni – spiegano i ricercatori – finalizzate tra l’altro a esaminare se l’ipersensibilità al dolore deriva da un sistema nervoso ‘sensibilizzato’ o dalla soppressione di meccanismi che dovrebbero consentire l’adattamento e, nel tempo, ridurre la risposta allo stimolo. Abbiamo scoperto che nel caso di persone con autismo, si tratta di una combinazione. Ovvero, un aumento del segnale del dolore insieme a un meccanismo di inibizione del dolore meno efficace”. 

Tami Bar-Shalita, co-autore della ricerca, ha commentato così il lavoro svolto dal team. “Il nostro – spiega l’esperto – è uno studio completo e approfondito sull’intensità del dolore sperimentato dalle persone con autismo. La convinzione prevalente era che fossero presumibilmente indifferenti al dolore. Di conseguenza medici e personale sanitario li hanno sempre trattati in modo errato per via di questa convinzione. I risultati del nostro studio indicano che nella maggior parte dei casi la sensibilità al dolore delle persone con autismo è in realtà superiore a quella maggior parte della popolazione. Allo stesso tempo queste persone non riescono a sopprimere efficacemente gli stimoli dolorosi. Ci auguriamo che le nostre scoperte vadano a beneficio dei professionisti e degli operatori che gestiscono questa popolazione e contribuiscano al progresso del trattamento personalizzato”.

Clicca qui per leggere i risultati dello studio.

Potrebbe interessare anche Identificato un nuovo gene responsabile dell’autismo

Autismo
Condividi:
italian medical news
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!