Italian Medical News

Elaborati batteri modificati contro la sclerosi multipla

Tempo di lettura: 2 minuti

Si tratta di un probiotico sperimentale in grado di bloccare il meccanismo autoimmune alla base della sclerosi multipla

Un gruppo di esperti statunitensi ha messo a punto un probiotico sperimentale capace di bloccare il meccanismo autoimmune alla base della sclerosi multipla. La terapia a base di batteri modificati ha funzionato su un modello murino. Il probiotico in questione è stato progettato per produrre una molecola che freni la risposta immunitaria che causa la demielinizzazione, bloccando l’infiammazione e riducendo i sintomi. Il risultato è frutto del lavoro di un team internazionale guidato da scienziati americani dell’Harvard Medical School di Boston in collaborazione con colleghi dell’azienda Synlogic Therapeutics di Cambridge, del Broad Institute of MIT and Harvard e del Centro di Biologia Molecolare ‘Severo Ochoa’ UAM-CSIC dell’Università Autonoma di Madrid, ed è stato pubblicato su Nature

A coordinare l’intero studio il professor Francisco J. Quintana, docente di Neurologia presso la Scuola di Medicina dell’Università di Harvard e membro dell’Ann Romney Center for Neurologic Diseases dell’Ospedale di Boston. Gli esperti hanno sintetizzato il probiotico identificando un percorso biochimico nel sistema nervoso dei topi. Hanno cioè scoperto come fanno le cellule dendritiche a fermare le altre cellule del sistema immunitario, impedendo loro di attaccare l’organismo e quindi di scatenare malattie autoimmuni come la sclerosi multipla. Le cellule dendritiche sono cellule immunitarie specializzate nella presentazione dell’antigene, ma giocano un ruolo anche nel gestire la risposta immunitaria. Il loro coinvolgimento nelle malattie autoimmuni non è ancora del tutto compreso ed è proprio studiandole a fondo che è emerso il percorso biochimico scoperto dagli scienziati americani.

“Un freno per il sistema immunitario”

“Il meccanismo che abbiamo trovato è come un freno per il sistema immunitario – ha dichiarato il Prof. Quintana. Nella maggior parte di noi è attivato, ma nelle persone con malattie autoimmuni ci sono problemi con questo sistema frenante, il che significa che il corpo non ha modo di proteggersi dal proprio sistema immunitario”. Dopo averlo individuato, i ricercatori hanno cercato una molecola che potesse replicare lo stesso meccanismo e l’hanno trovata nel lattato, il sale dell’acido lattico che si forma durante i processi metabolici che coinvolgono i carboidrati.

Gli scienziati hanno ingegnerizzato dei batteri buoni affinché producessero lattato e li hanno impiantati nell’intestino dei topi affetti dal modello murino della sclerosi multipla, osservandone gli effetti benefici. “Il probiotico messo a punto sopprime l’autoimmunità delle cellule T attraverso l’attivazione della segnalazione HIF-1α-NDUFA4L2 nelle DC (cellule dendritiche)” – hanno scritto i ricercatori nell’abstract dello studio. Il probiotico sperimentale è efficace sui topi, ma i ricercatori pensano possa dare buoni risultati sia contro la sclerosi multipla umana sia contro altre malattie autoimmuni.

Le cellule viventi come fonte di medicina nel corpo

“La capacità di utilizzare le cellule viventi come fonte di medicina nel corpo ha un enorme potenziale per realizzare terapie più personalizzate e precise – ha spiegato ancora Quintana. Se questi microbi che vivono nell’intestino sono abbastanza potenti da influenzare l’infiammazione nel cervello, siamo fiduciosi che saremo in grado di sfruttare il loro potere anche altrove

Clicca qui per leggere l’estratto originale dello studio.

Potrebbe interessare anche Sclerosi multipla: scoperto fattore genetico che accelera il decorso

sclerosi multipla
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!