Italian Medical News

Aumento rischi cardiovascolari post infezione Covid: lo studio

Tempo di lettura: 2 minuti

Un’ampia ricerca della UK Biobank, pubblicata sulla rivista ‘Heart’, spiega come il Covid aumenti considerevolmente il rischio di eventi cardiovascolari

L’infezione da Coronavirus può causare dei risvolti negativi anche per l’apparato cardiovascolare. E’ quanto emerge da un ampio studio della UK Biobank , pubblicato sulla rivista ‘Heart‘. Il lavoro ha coinvolto oltre 50.000 individui, circa 18.000 dei quali positivi al Covid tra marzo 2020 e marzo 2021. Secondo la ricerca britannica il rischio sarebbe più elevato nei primi 30 giorni post infezione.

Sono molteplici i risultati emersi dal lavoro della UK Biobank. Innanzitutto, rispetto ai coetanei che non avevano contratto il virus, coloro che lo hanno avuto senza essere stati ricoverati in ospedale presentavano un rischio quasi 3 volte maggiore di avere un coagulo di sangue. Inoltre presentavano anche un rischio oltre 10 volte maggiore di morire per qualsiasi causa. Ma i pericoli maggiori sono collegati a coloro ricoverati per infezione da Covid. Secondo la ricerca infatti la probabilità di sviluppare una trombosi venosa aumenterebbe di 27 volte rispetto ai soggetti non infettati. O ancora, rischio pari a 21,5 volte maggiore di diagnosi di insufficienza cardiaca e 17,5 volte maggiore di ictus. A ciò bisogna aggiungere il rischio di diagnosi di fibrillazione atriale pari a 15 volte superiore (sempre rispetto ai soggetti negativi), quello di pericardite 14 volte superiore e quello di infarto 10 volte superiore.

La maggior parte delle diagnosi di malattie cardiovascolari, in particolare fibrillazione atriale, trombosi, pericardite e morte per qualsiasi causa, si è verificata entro i primi 30 giorni dall’infezione e tra i ricoverati in ospedale per il Covid. I risultati suggeriscono l’opportunità di fare una profilassi terapeutica a base di farmaci anticoagulanti di almeno una settimana nei pazienti Covid, specie quelli a rischio.

Clicca qui per leggere l’estratto originale dello studio.

Potrebbe interessare anche Long Covid genera nuova malattia cardiaca: “sindrome Pasc”

Covid


Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!