Italian Medical News

Ecco le diete che aiutano la salute cardiovascolare

Tempo di lettura: 2 minuti

Una ricerca condotta da un gruppo di esperti della Stanford University (California) indica le diete più adeguate per una corretta salute cardiovascolare

Cosa mangiare per favorire una corretta salute cardiovascolare? È questa la domanda che si sono posti i ricercatori della Stanford University, in California. Il gruppo di scienziati, guidati da Cristopher Gardner, ha elaborato una precisa analisi sui tipi di alimentazione da seguire per una corretta salute del cuore. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista ‘Circulation’.

“L’evoluzione delle linee guida dietetiche da nutrienti isolati a raccomandazioni di modelli dietetici deriva dalla crescente conoscenza della sinergia tra nutrienti e fonti alimentari in termini di benefici sullo stato di salute – scrivono i ricercatoriDa qui nasce l’esigenza di redigere un documento con l’obiettivo di migliorare la comprensione da parte di consumatori e operatori sanitari delle caratteristiche chiave dei modelli dietetici più popolari, di valutarne l’allineamento con le linee guida dietetiche 2021 dell’American Heart Association. Il fine ultimo è quello di proporre modelli dietetici sani che promuovano la salute cardiometabolica”.

Sono diversi i modelli coerenti con le raccomandazioni dell’American Heart Association. In particolare è possibile menzionale la dieta mediterranea, la DASH, la pescetariana e la vegetariana“Pertanto, una salute cardiovascolare ottimale sarebbe meglio se supportata dallo sviluppo di un ambiente alimentare che condivida l’adesione a questi modelli ovunque il cibo venga preparato o consumato” – spiegano ancora gli autori.

Le diete da non seguire


Il commento del coordinatore, Gardner, è significativo poiché critica alcune diete disfunzionali per la salute del cuore“Viceversa, alcune delle diete più seguite non sono utili alla salute cardiovascolare. Tra queste c’è la paleolitica, basata sul consumo di cibi come selvaggina, uova, pesce, rettili, vermi, bachi, insetti. Ma anche la chetogenica, basata sulla riduzione dei carboidrati alimentari che obbliga ad aumentare il consumo energetico dei grassi nel tessuto adiposo. Si tratta di diete così strettamente restrittive per specifici gruppi di alimenti che risultano non allineate con le attuali caratteristiche scientifiche che dovrebbe avere una dieta sana per il cuore”.

Clicca qui per leggere i risultati originali dello studio. 

Potrebbe interessare anche Tumori: la Dieta Mediterranea aiuta notevolmente l’immunoterapia

salute cardiovascolare
Condividi:
italian medical news
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!