Italian Medical News

Salute mentale: è fondamentale una relazione sana tra genitori e figli

Tempo di lettura: 2 minuti

Gruppo di esperti dell’Università di Cambridge ha pubblicato una ricerca su come la qualità delle relazioni genitoriali possa influire sulla salute mentale dei figli

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Cambridge ha esaminato, attraverso un recente studio, in che modo la natura delle interazioni tra genitori e figli possa influenzare l’evoluzione emotiva e la capacità di empatia nei ragazzi durante il passaggio all’età adulta. I risultati della ricerca sono pubblicati sull’International Journal of Behavioral Development. “La prosocialità viene definita come un comportamento volontario che mira a beneficiare altre persone prendendosene cura, mostrando empatia e offrendo assistenza psico-fisica”spiega il primo autore Ioannis Katsantonis.

A livello globale sono pochi gli approfondimenti che hanno esaminato la connessione tra lo sviluppo della salute mentale e l’atteggiamento prosociale nei bambini e negli adolescenti. Gli autori dello studio sostengono che “le teorie dello sviluppo suggeriscono che le relazioni tra genitori e figli sono predittori significativi della psicopatologia dei bambini e della prosocialità”.

Il modus operandi del team

Per condurre la loro indagine, i ricercatori hanno impiegato i dati provenienti da un campione comunitario composto da 10.703 bambini. I bambini in questione, equamente distribuiti tra femmine e maschi, erano partecipanti al Millennium Cohort Study (MCS). Gli intervistati, appartenenti a questa coorte, sono stati sottoposti a interviste periodiche nelle fasi di età di 5, 7, 11, 14 e 17 anni. Le interviste includevano innanzitutto un questionario basato sulla Scala dei Punti di Forza e Difficoltà (SDQ). Il questionario era articolato in cinque elementi, volto a identificare sintomi di psicopatologia infantile e valutare il livello di prosocialità. In aggiunta, i ricercatori hanno utilizzato le scale Straus Tactics Concept e Child-Parent Relationship per misurare, rispettivamente, il maltrattamento fisico/psicologico e i conflitti genitore-figlio.

Dai risultati emerge che conflitti e maltrattamenti si riverberano sulla salute mentale dei bambini e anche sulla loro prosocialità. “Questo studio evidenzia da un lato l’importanza sia dell’insegnamento ai figli del valore dell’empatia, della gentilezza e dell’aiuto agli altri, sia dell’interazione di qualità tra genitori e figli, come la vicinanza fisica e psicologica” – ha concluso Katsantonis.

Clicca qui per leggere l’estratto originale dello studio.

Potrebbe interessare anche Bambini e violenza, un ossimoro spesso tragica realtà

salute mentale
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!