Italian Medical News

Salute del cuore: il grosso pericolo è la sedentarietà

Tempo di lettura: 4 minuti

Il cuore beneficia di qualsiasi attività, a patto che non si stia seduti a non far nulla. La dimostrazione arriva da uno studio condotto dall’University College London

Il cuore trae beneficio da qualsiasi attività, a condizione che non si rimanga seduti inattivi. Questa conclusione è emersa da uno studio condotto presso l’University College London (UCL), con il sostegno della British Heart Foundation, e i risultati sono stati pubblicati sull’European Heart Journal. Per valutare l’impatto delle attività quotidiane sulla salute cardiaca, i ricercatori hanno esaminato i dati di sei studi, coinvolgendo complessivamente 15.246 partecipanti provenienti da cinque paesi.

Le malattie cardiovascolari, che includono tutte le affezioni cardiache e circolatorie, rappresentano la principale causa di mortalità a livello globale. Nel 2021, sono state responsabili di un terzo dei decessi (20,5 milioni), con la malattia coronarica isolata come principale causa di morte. Dal 1997, il numero di persone colpite da malattie cardiovascolari nel mondo è raddoppiato, con prospettive di ulteriore aumento nei prossimi anni. Ogni partecipante allo studio ha utilizzato un dispositivo indossabile sulla coscia per monitorare l’attività fisica e contemporaneamente la salute del cuore nell’arco delle 24 ore. Dall’analisi è emersa una gerarchia di comportamenti che delineano una tipica giornata di 24 ore, in cui il tempo dedicato all’attività moderata-intensa si è rivelato il più benefico per la salute cardiaca, seguito dall’attività leggera, dallo stare in piedi e dal sonno, mentre il comportamento sedentario ha mostrato un impatto negativo.

Anche solo 5 minuti possono essere utili

I ricercatori hanno ipotizzato gli effetti sulle condizioni cardiache derivanti dalla sostituzione di diversi comportamenti ogni giorno per una settimana. Anche un modesto cambiamento, come sostituire cinque minuti di comportamento sedentario con attività moderata-intensa, ha dimostrato un impatto significativo sulla salute del cuore. Ad esempio, considerando il caso di una donna di 54 anni con un BMI medio di 26,5, la sostituzione di 30 minuti ha comportato una diminuzione di 0,64 nel BMI, corrispondente al 2,4% di differenza. Questo dato è significativo poiché la perdita di peso è associata a una migliore salute cardiovascolare. Inoltre, la sostituzione di 30 minuti di inattività con esercizio moderato o intenso potrebbe tradursi in una riduzione del 2,7% della circonferenza della vita o in una diminuzione del 3,6% dell’emoglobina glicata.

“L’intensità del movimento è importante”

“Anche piccoli cambiamenti nel modo di muoversi possono avere un effetto positivo sulla salute del cuore, ma l’intensità del movimento è importante – spiega Jo Blodgett, primo autore dello studio. L’osservazione più rilevante è stata la sostituzione della sedentarietà con attività moderata-intensa, che può includere attività come corsa, camminata veloce o salita di scale, essenzialmente qualsiasi attività che aumenti il battito cardiaco e la frequenza respiratoria, anche solo per uno o due minuti. I ricercatori hanno sottolineato che, sebbene dedicare tempo a un’attività intensa rappresenti il modo più rapido per migliorare la salute cardiaca, esistono approcci vantaggiosi per persone di tutte le capacità. Tuttavia, è importante notare che, all’aumentare della moderazione dell’attività, è richiesto un periodo più prolungato per iniziare a percepire benefici tangibili.

L’adozione di una scrivania in piedi per alcune ore al giorno, invece di rimanere seduti, rappresenta un cambiamento su un periodo relativamente prolungato ma può essere facilmente integrato nella routine lavorativa poiché non richiede un impegno temporale specifico. Coloro che conducono uno stile di vita meno attivo hanno dimostrato di trarre maggior beneficio dalla transizione da comportamenti sedentari a comportamenti più attivi. Emmanuel Stamatakis, co-autore dello studio, ha enfatizzato l’utilizzo di dispositivi indossabili nel consorzio ProPASS, che consente una migliore differenziazione tra tipi di attività fisica e postura, permettendo di valutare con maggiore precisione gli effetti sulla salute anche di variazioni più sottili

Prove sempre più lampanti, ma serviranno altri studi

È importante sottolineare che, sebbene i risultati non possano stabilire causalità tra i comportamenti motori e gli esiti cardiovascolari, contribuiscono a un crescente corpo di prove che collega l’attività fisica moderata-intensa nell’arco delle 24 ore a miglioramenti nelle misurazioni del grasso corporeo. Studi a lungo termine saranno essenziali per approfondire la comprensione delle associazioni tra movimento e risultati cardiovascolari.

Mark Hamer, co-autore dello studio, ha concluso dicendo che “anche se potrebbe non sorprendere che diventare più attivi sia benefico per la salute del cuore, ciò che è nuovo in questo studio è la considerazione di una gamma di comportamenti nell’arco di tutta la giornata. Questo approccio ci consentirà, alla fine, di fornire raccomandazioni personalizzate per incoraggiare le persone a diventare più attive in modi appropriati per loro”.

Altro commento autorevole in merito arriva da James Leiper, Direttore Medico Associato della British Heart Foundation. “Sappiamo già che l’esercizio fisico può avere benefici reali per la salute cardiovascolare, e questa ricerca incoraggiante dimostra che piccole modifiche nella tua routine quotidiana potrebbero ridurre le probabilità di avere un infarto o un ictus. Questo studio – aggiunge l’esperto – mostra che sostituire anche solo alcuni minuti di sedentarietà con alcuni minuti di attività moderata può migliorare il tuo BMI, il colesterolo, la circonferenza della vita e avere molti altri benefici fisici”.

Clicca qui per leggere l’estratto originale della ricerca. 

Fonte: https://www.ucl.ac.uk/news/2023/nov/any-activity-better-your-heart-sitting

Potrebbe interessare anche In arrivo lo spray nasale che rallenta i battiti del cuore

cuore
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!