Italian Medical News

Tumori tra gli under 50: aumento esponenziale negli ultimi 30 anni

Tempo di lettura: 3 minuti

A partire dal 1990 il numero di nuovi casi di tumori negli under 50 ha avuto una crescita spaventosa e preoccupante. Un nuovo lavoro pubblicato su ‘Bmg Oncology’ ha indagato sulla questione

Nel corso degli ultimi tre decenni (dal 1990 al 2019), si è osservato un aumento del 79% nei nuovi casi di tumori diagnosticati tra le persone di età inferiore ai 50 anni. Questo notevole incremento è stato documentato a livello globale secondo una ricerca appena pubblicata su Bmj Oncology. Fino ad ora, la maggior parte degli studi osservazionali ha concentrato la propria attenzione sulle differenze regionali e nazionali, con pochi che hanno affrontato la questione da una prospettiva globale o investigato i fattori di rischio associati ai giovani adulti. Questi risultati emergono da uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Edimburgo, in Scozia, e della Zhejiang University School of Medicine di Hangzhou, in Cina

Nel tentativo di colmare queste lacune di conoscenza, gli autori dell’analisi hanno utilizzato i dati dello studio Global Burden of Disease 2019 relativi a 29 tipi di tumori in 204 paesi e regioni. Successivamente, hanno condotto un’analisi approfondita sull’incidenza (nuovi casi), i decessi, le implicazioni sulla salute (attesa di vita corretta per disabilità) e i fattori di rischio nelle persone di età compresa tra i 14 e i 49 anni al fine di stimare la variazione percentuale annuale tra il 1990 e il 2019. Nel 2019, si sono registrate complessivamente 3,26 milioni di nuove diagnosi di cancro tra gli individui di età inferiore ai 50 anni, rappresentando un aumento del 79% rispetto ai dati del 1990

Il triste primato va al cancro al seno

Nel complesso, il cancro al seno ha rappresentato il maggior numero di questi casi e dei decessi associati, rispettivamente 13,7 e 3,5/100.000 della popolazione mondiale. Ma i nuovi casi di cancro alla trachea e alla prostata a esordio precoce sono aumentati più rapidamente tra il 1990 e il 2019, con variazioni percentuali annue stimate rispettivamente del 2,28% e del 2,23%. All’estremità opposta dello spettro, il cancro al fegato a esordio precoce è diminuito di circa il 2,88% ogni anno. Nel corso del 2019, più di 1 milione di individui al di sotto dei 50 anni hanno perso la vita a causa del cancro, registrando un aumento del 28% rispetto ai dati del 1990.

Dopo il cancro al seno, le tipologie tumorali che hanno causato il maggior numero di decessi e le relative implicazioni sulla salute sono state quelle che coinvolgono la trachea, il polmone, lo stomaco e l’intestino. Tuttavia, è stato notato un aumento significativo dei decessi tra coloro che hanno sviluppato tumori ai reni o alle ovaie. In base alle tendenze osservate negli ultimi tre decenni, i ricercatori stimano che entro il 2030 il numero globale di nuovi casi di cancro a insorgenza precoce e i decessi correlati aumenteranno rispettivamente del 31% e del 21%, con i quarantenni che saranno particolarmente a rischio.

Mentre i fattori genetici possono avere un ruolo, i principali fattori di rischio associati ai tumori più comuni tra gli individui al di sotto dei 50 anni includono diete ricche di carne rossa e sale (e carenti di frutta e verdura), il consumo di alcol e tabacco, inattività fisica, sovrappeso e livelli elevati di zucchero nel sangue, secondo quanto indicato dai dati disponibili.

Limiti dello studio e cose da fare per arginare il problema

Tuttavia, è da sottolineare che ci sono alcune limitazioni nei risultati dello studio, tra cui la variabilità nella qualità dei dati dei registri dei tumori in diversi paesi, che potrebbe aver portato a sottostime e sottodiagnosi. Inoltre, non è ancora completamente chiaro in che misura lo screening e l’esposizione a fattori ambientali durante l’infanzia possano influenzare le tendenze osservate.

In un editoriale collegato all’analisi pubblicata, i medici del Centro per la sanità pubblica della Queen’s University di Belfast sottolineano che, sebbene i fattori legati allo stile di vita siano probabilmente rilevanti, stanno emergendo nuove aree di ricerca come l’uso di antibiotici, il microbioma intestinale, l’inquinamento dell’aria e le esposizioni durante l’infanzia. Essi enfatizzano l’urgente necessità di misure preventive, diagnosi precoci e sviluppo di strategie di trattamento ottimali per i tumori a insorgenza precoce, che dovrebbero affrontare le specifiche esigenze di terapia di supporto per i pazienti più giovani. Infine, concludono sottolineando la necessità urgente di partenariati, collaborazioni e distribuzione globale di risorse per raggiungere questi obiettivi.

Clicca qui per leggere l’estratto dello studio.

Potrebbe interessare anche Uno tsunami di luce contro i tumori: nuovo studio italiano

tumori
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!