Italian Medical News

Infarto improvviso nei giovani, scoperta possibile cura

Tempo di lettura: 3 minuti

La Cardiomiopatia Artimogena è una malattia genetica che colpisce soprattutto i giovani e gli atleti. Una nuova ricerca ha identificato una potenziale cura

La Cardiomiopatia Aritmogena (ACM), è una malattia genetica che colpisce soprattutto giovani e atleti. Essa si manifesta con una progressiva disfunzione cardiaca e aritmia e può provocare infarto, spesso anche mortale. È la tragica storia di giovani atleti come Davide astori o Piermario Morosini, solo per citare i casi più noti. Ora però arrivano importanti novità. I farmaci comunemente utilizzati per modulare il calcio potrebbero essere efficaci nella cura della patologia. Lo rivela uno studio coordinato dal Centro Cardiologico Monzino e finanziato dalla Fondazione ‘Giacomo Ponzone’.

A oggi, non esiste una cura per l’ACM, ma solo dei metodi di ‘supporto’ (come l’impianto nel paziente del defibrillatore) che impediscono alle aritmie di causare infarto e diventare letali. Da qui l’importanza di capire il meccanismo che altera le cellule del cuore ‘impazzito’ per poter intervenire all’origine della patologia. Il team coordinato dal Laboratorio di Biologia Vascolare e Medicina Rigenerativa del Monzino e formato da ricercatori di diversi centri, quali l’Università di Pavia, l’Università di Milano-Bicocca e la New York Univerisity, si è concentrato sullo studio del disequilibrio del calcio, che è un meccanismo noto di scompenso cardiaco, ad oggi poco correlato all’ACM. 

Una disfunzione nella regolazione del contenuto di calcio nella cellula, dimostrata principalmente in modelli animali, è stata descritta solo come meccanismo che influisce sul rischio aritmico nei cardiomiociti dei cuori malati di ACM. Il cuore è infatti caratterizzato da due tipi principali di cellule: i cardiomiociti, che adempiono ad un ruolo funzionale, di contrattilità, e le cellule stromali, che superano i cardiomiociti in numero nel cuore e che fungono da “supporto”. I ricercatori hanno analizzato la gestione del calcio nelle cellule stromali, in cui non era ancora noto se questi meccanismi influenzassero il comportamento cellulare nel contesto ACM.

Il commento degli autori

“Il nostro studio dimostra per la prima volta che anche le cellule stromali da paziente con ACM mostrano alterazioni spontanee nei livelli di calcio rispetto alle cellule di un soggetto sano – spiega Elena Sommariva, coautrice della pubblicazioneLa deregolazione della normale omeostasi del calcio contribuisce all’aumentata capacità di differenziamento in adipociti (cellule adipose) e miofibroblasti (responsabili della fibrosi) delle cellule stromali cardiache. Tutto ciò provoca un rimodellamento anomalo del tessuto cardiaco, caratteristico dei cuori con ACM. Da un alto infatti – prosegue l’esperta – un cuore ‘grasso’ cioè ricco di cellule adipose, non conduce gli stimoli elettrici e dall’altro un cuore ‘fibrotico’ si contrae meno. Il differenziamento anomalo delle stromali ACM era già stato osservato in studi precedenti, ma non ne conoscevamo il meccanismo. Ora abbiamo capito che alla base di questo processo patologico c’è l’alterazione dei livelli di calcio, aprendo la via ad un possibile approccio terapeutico


“Con questa ricerca abbiamo fornito una prova di concetto che dei farmaci modulatori del calcio potrebbero essere efficaci contro la Cardiomiopatia Aritmogena – commenta Angela Serena Maione, ricercatrice Monzino e prima firmataria del lavoroAgendo farmacologicamente sulle proteine che regolano il contenuto di calcio nelle cellule stromali, abbiamo ottenuto una riduzione del differenziamento fibro-adipogenico. In particolare, abbiamo dimostrato l’efficacia del farmaco Flecainide, già in uso in clinica per il trattamento delle aritmie (e quindi attivo sui cardiomiociti), sul differenziamento fibro-adipogenico. Complessivamente, i nostri risultati estendono le conoscenze sulla disregolazione del calcio nella cardiomiopatia aritmogena al compartimento cellulare stromale, come meccanismo causativo delle loro alterazioni. Dimostrano inoltre una nuova modalità d’azione della Flecainide su un nuovo bersaglio terapeutico”.

Clicca qui per leggere l’estratto originale della ricerca.

Potrebbe interessare anche Scompenso cardiaco: la grelina aiuta il cuore

infarto
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!