Italian Medical News

L’intelligenza artificiale e il suo aiuto per le pazienti con cancro al seno

Tempo di lettura: 2 minuti

Grazie all’Intelligenza artificiale è possibile sapere in anticipo se una donna con tumore al seno beneficerà o meno di un trattamento, specie quelli chemioterapici

Grazie all’Intelligenza Artificiale, ora è possibile capire da subito se una donna con cancro al seno trarrà beneficio da un trattamento. Un team di ricercatori della Northwestern University, negli Usa, ha sviluppato un nuovo strumento basato sull’IA che potrebbe evitare trattamenti chemioterapici non necessari. Questo strumento utilizza valutazioni precise dei tessuti delle pazienti, consentendo una migliore previsione del decorso della malattia. Ciò potrebbe portare a una riduzione della durata o dell’intensità della chemioterapia, basata su valutazioni più accurate, riducendo così potenziali effetti collaterali come nausea o danni al cuore. Lo studio che presenta questo nuovo strumento è stato pubblicato sulla rivista Nature Medicine.

“Il nostro studio dimostra l’importanza delle componenti non tumorali nel determinare l’esito di un paziente” dichiara l’autore principale, Lee Cooper. “L’importanza di questi elementi era nota da studi biologici, ma questa conoscenza non era stata effettivamente tradotta in uso clinico” – ha aggiunto.

Solitamente, quando viene diagnosticato un cancro al seno, il patologo analizza il tessuto tumorale per valutarne l’aspetto anomalo. Questa procedura, chiamata classificazione, si concentra sull’aspetto delle cellule tumorali ed è rimasta pressoché invariata per decenni. Il “grado”, determinato dal patologo, viene impiegato per guidare la scelta del trattamento per il paziente.

Il nuovo strumento: un modello di intelligenza artificiale che analizza il tessuto canceroso basandosi su immagini digitali

Diversi studi sulla biologia del cancro al seno hanno evidenziato il ruolo significativo delle cellule non cancerose, comprese quelle del sistema immunitario e strutturali del tessuto, nell’incoraggiare o limitare la crescita tumorale. Cooper e il suo team hanno sviluppato un modello di intelligenza artificiale che analizza il tessuto canceroso basandosi su immagini digitali. Questa valutazione comprende l’aspetto delle cellule cancerose e non cancerose, oltre alle loro interazioni. Il sistema di intelligenza artificiale esamina 26 proprietà diverse del tessuto mammario per generare un punteggio prognostico complessivo. Inoltre, fornisce punteggi individuali per le cellule tumorali, immunitarie e stromali, spiegando il punteggio complessivo al patologo. L’adozione di questo nuovo modello potrebbe offrire alle pazienti con diagnosi di cancro al seno una stima più precisa del rischio associato alla malattia, consentendo loro di prendere decisioni informate sulla gestione clinica.

In aggiunta, questo modello può contribuire a valutare la risposta alla terapia. Ciò consentirebbe di personalizzare il trattamento in base all’evolversi dell’aspetto microscopico del tessuto nel tempo. Ad esempio, il sistema potrebbe rilevare l’efficacia del sistema immunitario del paziente nel contrastare il cancro durante la chemioterapia, offrendo così la possibilità di adeguare la durata o l’intensità del trattamento stesso. Lo studio è stato condotto in collaborazione con l’American Cancer Society (ACS), che ha sviluppato un set di dati unico attraverso studi sulla prevenzione, compreso, ovviamente, pazienti affetti da cancro al seno.

Clicca qui per leggere l’estratto originale dello studio.

Potrebbe interessare anche Cancro al seno: ricerca scopre nuovi biomarcatori

cancro al seno

Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!