Italian Medical News

Malattie neurodegenerative: sintomi precoci rilevabili già nove anni prima della diagnosi

Tempo di lettura: 2 minuti

È quanto emerge da un’analisi dei dati contenuti nella UK Biobank, condotta da un team di ricercatori dell’Università di Cambridge 

È possibile rilevare sintomi precoci di demenza già nove anni prima della diagnosi. L’esito emerge dal lavoro di un team di scienziati dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito. I risultati della ricerca sono stati pubblicati da ‘Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association’. Una scoperta che potrebbe determinare una vera e propria svolta nel campo delle malattie neurodegenerative.

Il gruppo ha analizzato i dati provenienti dalla UK Biobank. Il database contiene infatti informazioni generiche, relative allo stile di vita e alla salute, raccolte in forma anonima su mezzo milione di inglesi tra i 40 e i 69 anni. Tra queste informazioni ci sono dati su problem solving, tempi di reazione, memoria, e in generale segni caratteristici di patologie neurologiche. I dati raccolti hanno permesso ai ricercatori di individuare quei soggetti che mostravano tali sintomi al baseline. Li hanno poi confrontati cinque o nove anni dopo, una volta posta la diagnosi di demenza o di malattia neurodegenerativa ai soggetti in questione. 

Il risultato sorprendente è che le persone con diagnosi successiva di Alzheimer avevano totalizzato punteggi più scarsi rispetto ai soggetti sani in termini di problem solving, tempi di reazione e memoria. In aggiunta, le persone che sviluppavano Alzheimer avevano una maggiore probabilità, rispetto agli adulti sani, di andare incontro a una caduta nei 12 mesi precedenti alla diagnosi. In generale, per ogni patologia analizzata (dal Parkinson alla demenza passando alla demenza con corpi di Lewy) i pazienti mostravano outcome più bassi a livello di salute. Seguiranno ora nuovi studi per approfondire gli importanti risultati. 

Clicca qui per leggere l’estratto originale della ricerca

Potrebbe interessare anche Neurologia, scoperto nel cervello il sistema d’allarme che “accende” la paura

malattie neurodegenerative
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!