Italian Medical News

Oms: “Ogni anno 236.000 decessi per annegamento”

Tempo di lettura: 2 minuti

In occasione della Giornata mondiale per la prevenzione dell’annegamento l’Organizzazione mondiale della sanità lancia l’allarme

L’annegamento è una delle principali cause di morte per bambini e giovani di età compresa tra 1 e 24 anni. Inoltre, è la terza causa di decessi per lesioni in generale. Ma soprattutto i casi di annegamento provocano oltre 236.000 vittime annualmente. Questi, sono alcuni dei dati comunicati dall’Organizzazione mondiale della sanità – Oms, in occasione della Giornata mondiale per la prevenzione dell’annegamento

Stando ai dati dell’Oms, più del 90% delle morti per annegamento si verifica nei paesi a basso e medio reddito. I più a rischio sono i bambini di età inferiore ai 5 anni. Questo tipo di decessi sono spesso legati ad attività quotidiane e di routine, come fare il bagno o viaggiare sull’acqua su barchette o traghetti. Altre cause frequenti di annegamenti sono gli impatti di eventi meteorologici stagionali o estremi, compresi i monsoni e questi impatti sono ampiamente prevenibili attraverso una serie di interventi. 

È proprio il Direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, a rilasciare dichiarazioni in merito. “Ogni anno, in tutto il mondo, centinaia di migliaia di persone annegano. La maggior parte di questi decessi è prevenibile attraverso soluzioni a basso costo basate sull’evidenza. Oggi, le città di tutto il mondo stanno illuminando i loro monumenti con una luce blu come un invito all’azione affinché ciascuno di noi faccia la propria parte per prevenire l’annegamento. Mettiamo fine all’annegamento” – conclude il Dg della più grande organizzazione sanitaria globale. 

L’Oms raccomanda una serie di misure basate sull’evidenzia per prevenire l’annegamento. Tra queste è presente l’installazione di barriere che controllino l’accesso all’acqua. O ancora, addestrare il personale addetto al salvataggio e alla rianimazione, in modo serio e preparato. Particolare importanza anche per la necessità di insegnare ai bambini in età scolare le abilità di base del nuoto e della sicurezza in acqua. (Qui il comunicato integrale).

Potrebbe interessare anche Oms: denuncia contro il marketing aggressivo dei produttori di alcol

annegamento
Condividi:
italian medical news
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!