Italian Medical News

Virus influenzale: individuati i primi due casi in Italia

Tempo di lettura: 3 minuti

Virus influenzale in circolo in Italia: un caso individuato a Varese e l’altro a Torino

Individuati due casi sporadici di virus influenzale di tipo A/H3 nel Nord del nostro Paese in due bambini. Come da protocollo operativo della rete di sorveglianza  InfluNet & CovidNet per la stagione 2021-2022, la sorveglianza virologica sarà effettuata a partire dalla 46a settimana 2021, che inizia lunedì 18 ottobre.

Queste le caratteristiche dei casi isolati:

  1. un caso di virus influenzale A/H3 identificato a Varese e confermato presso l’Università di Milano in un bambino con sintomatologia influenzale;
  2. un caso di virus influenzale A/H3 identificato presso l’Ospedale Amedeo di Savoia di Torino in un bambino con un quadro di polmonite.

Sono in corso le conferme virologiche da parte del laboratorio di riferimento nazionale dell’ISS sul secondo caso identificato a Torino.

La vaccinazione antinfluenzale – comunica l’ISS – è il mezzo più efficace e sicuro per prevenire la malattia e ridurne le complicanze.  Il periodo indicato per la vaccinazione antinfluenzale è quello autunnale a partire dal mese di ottobre.

I casi di virus influenzale nella scorsa stagione sono stati inferiori

Partono il 18 ottobre 2021 le attività stagionali del sistema nazionale di sorveglianza integrata dell’influenza InfluNet, secondo quanto stabilito dal “Protocollo operativo InfluNet & CovidNet”. Il documento fissa, come ogni anno, l’inizio e la fine della rilevazione epidemiologica rispettivamente alla 42sima settimana del 2021 e alla 17sima settimana del 2022. Per quanto riguarda le attività di monitoraggio virologico, l’inizio è previsto per la 46sima settimana del 2021 (15 novembre 2021). Si protrarranno fino alla 17sima settimana del 2022. L’analisi dei dati sarà effettuata dall’ISS.

Nella scorsa stagione i casi influenzali sono stati inferiori. Questo si può spiegare con la serie di accortezze adottate per combattere il Covid: lavaggio e igienizzazione delle mani, distanziamento e mascherine.

Un risultato soddisfacente che ha portato il Governo a fare un appello sulla vaccinazione antinfluenzale, attraverso una circolare emanata nell’aprile scorso. Occhio di riguardo per la fascia d’età tra i sei mesi ai sei anni e quella degli over60.
 
Il Ministero della Salute ha emanato l’8 aprile la Circolare Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2021-2022, elaborata dalla Direzione Generale della Prevenzione sanitaria, in accordo con l’Istituto superiore di sanità. Dopo la supervisione del Coordinamento Interregionale della Prevenzione, la circolare ha avuto parere favorevole il 6 aprile da parte del Consiglio Superiore di Sanità.

La vaccinazione antinfluenzale è raccomandata nelle fasce d’età tra i 6 mesi e i 6 anni e negli over60

La vaccinazione costituisce la più efficace strategia di prevenzione dell’influenza.
Vista l’attuale situazione epidemiologica relativa alla circolazione di SARS-CoV-2, il documento raccomanda di anticipare la conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale, a partire dall’inizio di ottobre e, comunque, di offrire la vaccinazione ai soggetti eleggibili, in qualsiasi momento della stagione influenzale, anche se si presentano in ritardo per la vaccinazione.

Poiché permane una situazione pandemica COVID-19, il documento raccomanda la vaccinazione antinfluenzale nella fascia di età 6 mesi – 6 anni, anche allo scopo di ridurre la circolazione del virus influenzale fra gli adulti e gli anziani. Inoltre, al fine di facilitare la diagnosi differenziale nelle fasce di età a maggiore rischio di malattia grave, la vaccinazione antinfluenzale è fortemente raccomandata e può essere offerta gratuitamente nella fascia d’età 60-64 anni

La vaccinazione è, inoltre, fortemente raccomandata per gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie, che operano a contatto con i pazienti, e per gli anziani istituzionalizzati in strutture residenziali o di lungodegenza.

La circolare raccomanda l’attivazione di campagne di informazione/educazione della popolazione e degli operatori sanitari coinvolti nella attuazione delle strategie vaccinali.

Potrebbe anche interessare Vaccini contro influenza e Covid: Twin epidemics, l’appello dei medici di famiglia

Condividi:
italian medical news
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!