Italian Medical News

Fisioterapista di comunità: figura da inserire nel piano di rafforzamento

Tempo di lettura: 2 minuti

La Commissione di albo nazionale ha chiesto con forza l’inserimento del fisioterapista di comunità per un rafforzamento sanitario

La professione del Fisioterapista non poteva certo rimanere spettatrice. Oppure addirittura ignorata nel percorso di rafforzamento della sanità territoriale che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ha fortemente incentivato. E questo anche in ragione di quanto emerso a causa della pandemia COVID-19.

Per questo, a partire dal convegno organizzato dalla Commissione di albo nazionale dei Fisioterapisti la scorsa primavera, si è avviata la riflessione per l’introduzione, in forma diffusa e organica, del Fisioterapista di comunità, prima con una riflessione scientifica e di analisi di modelli organizzativi e, recentemente, grazie all’iniziativa della Sen. Paola Boldrini, Vicepresidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, con la presentazione di una proposta di legge dedicata.

Serve chiarire che il percorso scelto è stato quello di intercettare un bisogno di salute dei cittadini. Inoltre la necessità di una implementazione dei modelli di assistenza territoriale, la ragionevolezza delle proposte anche dal punto di vista della compatibilità delle risorse. Non mirabolanti promesse o annunci buoni per attirare l’attenzione, ma un serio e motivato intervento. La professione, ormai in vista dell’Ordine professionale autonomo, deve intestarsi, come obiettivo non negoziabile, il proprio contributo alla tutela della salute individuale e collettiva. E questo anche in uno specifico campo di azione.

L’introduzione del fisioterapista di comunità ha ricevuto il sostegno della senatrice Boldrini

Con grande precisione si evidenzia, nella proposta della Sen. Paola Boldrini, la finalità dell’introduzione della figura professionale del Fisioterapista di comunità: lo sviluppo e il potenziamento dei servizi territoriali di assistenza domiciliare, delle Case della comunità e delle cure primarie. Il Fisioterapista di comunità diviene allora parte integrante e non meramente eventuale o a chiamata, del team multiprofessionale delle cure primarie, in ambito distrettuale. Una figura introdotta a rafforzamento delle più recenti linee guida sulla sanità territoriale.

Definiti sono anche i compiti affidati al professionista; il Fisioterapista di comunità sarà chiamato ad identificare e adottare le migliori strategie per la prevenzione, valutazione, recupero, abilitazione e palliazione. Nonché con l’obiettivo generale di contribuire a migliorare la qualità di vita dell’individuo e dei suoi familiari o del suo caregiver. Un dettaglio di responsabilità in tema di prevenzione, educazione e recupero, sia quale singolo professionista che in team. Si parte dalla fase valutativa a quella di elaborazione dei percorsi fino alle strategie di self management e programmi di autocura. Tutti gestiti secondo la logica di appuntamenti funzionali programmati, usufruendo anche di tecnologie.

Punto fondamentale è anche quello della formazione del Fisioterapista di comunità

Una sottolineatura importante è anche quella della formazione del Fisioterapista di comunità. L’obiettivo è valorizzare l’esperienza professionale almeno triennale e la formazione post laurea. In modo da arricchire il bagaglio delle conoscenze e consentire l’assunzione diretta di elevate responsabilità più complesse e specialistiche di quelle proprie del profilo professionale.

Il Fisioterapista di comunità si trasforma in un’opportunità e uno strumento per le Aziende Sanitarie del Servizio Sanitario Nazionale.

Un obiettivo ambizioso per la professione che arricchisce anche il ventaglio delle opportunità per i giovani studenti.

Potrebbe anche interessare Benessere articolare dei pazienti emofilici, la campagna ‘Articoliamo’ ha fatto tappa a Vicenza

Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!