Italian Medical News

Governo: Orazio Schillaci è il nuovo ministro della Salute

Tempo di lettura: 2 minuti

Romano, medico e rettore dell’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’, è specializzato in medicina nucleare. Scopriamo chi è

Il prossimo ministro della Salute, e successore di Roberto Speranza, è Orazio Schillaci. Il neo ministro, romano, classe 1966 è una figura ‘tecnica’ specializzato in medicina nucleare, materia che insegna dal 2007; dal 2019 ha ricoperto inoltre la carica di rettore all’Università di Tor Vergata di Roma. Si tratta di una figura squisitamente tecnica confermata dal fatto che la guida del Ministero della Salute sarà il suo primo incarico pubblico.

Durante la sua carriera universitaria ha preso parte a diverse commissioni sanitarie sia alla Regione Lazio si presso il ministero di cui ora è alla guida. Nel 2020 è stato nominato nel comitato scientifico dell’Istituto superiore della Sanità che ha affiancato il ministero nelle decisioni chiave prese durante la pandemia. Durante la sua carriera accademica è stato autore di oltre 220 pubblicazioni in riviste importanti tra cui PubMed, con oltre 4.700 citazioni, oltre ad essere revisore di oltre 50 riviste internazionali. Dal 2011 al 2019 ha ricoperto prima la carica di vice-preside e poi di preside della facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università di Tor vergata, prima di essere nominato rettore. Inoltre, dal 2008 è Direttore della scuola di specializzazione in medicina nucleare.

Il suo contributo durante il periodo pandemico

Nel suo periodo da rettore ha deciso di puntare sulla qualità e l’internazionalizzazione della ricerca. È stato inoltre molto importante il suo contributo durante la pandemia poiché il policlinico di Tor Vergata, sotto la sua guida, ha ampliato le aree a disposizione per l’emergenza Covid, costituendo un gruppo di lavoro apposito. Per rendere l’idea, nel giro di tre settimane il policlinico divenne il quarto Covid Hospital di tutta la regione Lazio. Strettamente legata alla pandemia, anche la necessità di riorganizzare l’università. Scelta che lo ha portato a investire su smart working, progetti di sostenibilità e partnership internazionali.

Con Schillaci come rettore, l’Università di Tor Vergata si è posizionata tra i primi 350 atenei più prestigiosi al mondo, come riportato dalla classifica ‘World University Ranking’ stilata annualmente dal Times. Tra le italiane ha conquistato la settima posizione su 51, numeri che certificano il grosso passo in avanti dell’ateneo ben gestito dal nuovo ministro. Sono molte le sfide e i compiti che attendono il nuovo ministro. Altrettante sono le aspettative su quello che sarà l’operato di Orazio Schillaci

Potrebbe interessare anche Vittoria Fratelli d’Italia: ecco la sanità secondo Meloni

Schillaci
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!