Italian Medical News

Diabete di tipo 1, un farmaco ne blocca la progressione

Tempo di lettura: 2 minuti

Il farmaco, comunemente prescritto per l’artrite reumatodide, sembra preservare la produzione di insulina e ostacola la progressione del diabete


Un recente studio pubblicato sul New England Journal of Medicine evidenzia i benefici del farmaco baricitinib nel trattamento del diabete di tipo 1. Questo medicinale, solitamente prescritto per l’artrite reumatoide, sembra favorire la conservazione della produzione di insulina e rallentare la progressione della patologia diabetica.

“Quando da una diagnosi emerge per la prima volta il diabete di tipo 1, è ancora presente un numero considerevole di cellule produttrici di insulinaspiega Thomas Kay del St. Vincent’s Institute of Medical Research di Melbourne e autore senior dello studio. Volevamo capire se fosse possibile evitare la distruzione di queste cellule da parte del sistema immunitario, e abbiamo dimostrato che baricitinib è in grado di aiutarci– ha aggiunto.

Il percorso dello studio

Sono stati randomizzati 91 pazienti affetti da diabete di tipo 1 diagnosticato nei 100 giorni precedenti a ricevere baricitinib o placebo per via orale per 48 settimane. Il parametro principale di valutazione era rappresentato dal livello medio di peptide C, misurato attraverso un test di tolleranza alla settimana 48. Tra gli esiti secondari, rientravano variazioni rispetto al basale nei livelli di emoglobina glicata, la dose giornaliera di insulina e misurazioni del controllo glicemico, valutate tramite il monitoraggio continuo del glucosio.

Alla settimana 48, la mediana del livello medio di peptide C stimolato con pasto misto era di 0,65 nmol per litro al minuto nel gruppo trattato con baricitinib e di 0,43 nmol per litro al minuto nel gruppo placebo. Riguardo alla dose media giornaliera di insulina, a 48 settimane essa è stata di 0,41 U per chilogrammo di peso corporeo al giorno nel gruppo baricitinib, mentre nel gruppo placebo è stata di 0,52 U per chilogrammo al giorno. Sebbene i livelli di emoglobina glicata fossero simili nei due gruppi, è interessante notare che il coefficiente medio di variazione del livello di glucosio a 48 settimane era del 29,6% nel gruppo trattato con baricitinib e del 33,8% nel gruppo placebo. In entrambi i gruppi si sono manifestati eventi avversi simili e nessuno di grave entità.

“Dovremo capire se la terapia può contribuire a curare, e possibilmente a prevenire la malattia clinica, se utilizzata nelle fasi iniziali del diabete di tipo 1” – afferma Johnny Ludvigsson, della Linköping University.

Clicca qui per leggere l’estratto originale dello studio.

Potrebbe interessare anche Diabete: la grande minaccia dei cibi ultra-processati

diabete di tipo 1
Condividi:
ISCRIVITI Subito ALLA NEWSLETTER
non perderti le news!